RESTIAMO UMANI MAR DEI MIGRANTI NUBI NERE PICCHI IN TESTA PINO L'ORB LA MUSICA DEL VENTO LA FOLA DAL BABAU IL BARBANERA LE FAVOLE E LE NUVOLE CIRCUS

Restiamo Umani

Testo di Antonio Resta

Sarà l'istinto primordiale l'istinto naturale - Ma secoli e secoli di civilizzazione - Non han cambiato niente - Dai tempi delle clave - Non han cambiato mai il nostro istinto d'animale - Oggi più di ieri - Domina la paura - Oggi più di ieri - Domina la crudeltà - Domina l'egoismo - Domina il nostro io - Domina l'ingiustizia e vale solo il mio Dio - Occhio per occhio- Dente per dente - Spada per spada - Niente per niente - Restiamo umani - In alto le mani - Per l'uguaglianza tra gli esseri umani - Restiamo umani - In alto le mani - Solo l'amore può darci un domani - Restiamo umani - In alto le mani - Per un respiro - Un pensiero profondo - Restiamo umani - In alto le mani - Per un sorriso che illumini il mondo - Ecco l'uomo scimmia - Dall'alto del suo trono - Immagina il suo mondo dove non c'è più nessuno - Con l'odio nelle vene - La ferocia di un leone - Brucia le città come ai tempi di Nerone - Oggi più di ieri - Domina la paura - Oggi più di ieri - Domina l'avidità - Domina l'egoismo - Domina il nostro io - Domina l'ingiustizia - E vale solo il mio Dio - Occhio per occhio- Dente per dente - Spada per spada - Niente per niente - Restiamo umani - In alto le mani - Per l'uguaglianza tra gli esseri umani - Restiamo umani - In alto le mani - Solo l'amore può darci un domani - Restiamo umani - In alto le mani - Per un respiro - Un pensiero profondo - Restiamo umani - In alto le mani - Per un sorriso che illumini il mondo

×

Mar dei migranti

Testo di Antonio Resta

Lasciai la mia casa un giorno di fine settembre (goodbye Africa mother) - Tutti dicevano andiamo che abbiamo da perdere ? - ( nothing to lose) - Lasciai le mie poche cose un mazzo di rose a mia madre - ( dont cry Africa mother) - Giù alla spiaggia il cielo è sereno - E tutti vogliono andare - ( they want to go) - L'Europa è vicina soltanto a un tiro di mare - ( Europe is nearby ) - Diedi tutti i miei soldi per un posto a sedere e l'acqua potevo sfiorare - (goodbye Africa mother) - Quaranta miglia a nord e il cielo cominciò a gridare - Poi vidi luci distanti - Benvenuti nel mar dei migranti (the sea of migrants)- E navigando nell'oscurità immaginavo una vita (my life) - Senza la guerra in un paese lontano - (my love) - Vidi negli occhi smarriti - Paura e terrore - Quando si spense il motore - (dont cry Africa mother) - Quaranta miglia a nord e il cielo cominciò a gridare - Poi vidi onde giganti - Benvenuti nel mar dei migranti (the sea of migrants) - C'erano uomini donne e bambini - Stavano stretti e vicini - Qualcuno pregava qualcuno piangeva - Mentre il mare si alzava - Lasciammo al nostro destino - Lasciammo alla sorte - La vita o la morte - Quaranta miglia a nord e il cielo cominciò a gridare - Poi vidi onde giganti - Benvenuti nel mar dei migranti (the sea of migrants) - Chi si è salvato non so - Chi si è perduto non so - Chi ci è arrivato non so - Chi si è salvato non so

×

Nubi Nere

Testo di Antonio Resta

C'è un vento di paura - Che piano sale su - Dall'Africa all'Oriente - Fino al vecchio continente - Sulle rotte di mercanti - Finanzieri e trafficanti - Armano le mani di fanatici briganti - Da tripoli a Kobane - Dall'Egitto alla Turchia - Crociate americane - La Jihad e la Shari'a - Nere nubi nere nella notte tuonano - Nere nubi nere all'orizzonte avanzano - Arde il fuoco della guerra - Popoli in fuga dalle città - Urla il cielo e scenderà - Pioggia nera cadrà - Sulle strade nelle città - Scontro immondo di civiltà - L'innocente pagherà - In nome di Dio Inshallah - Dai tempi degli antichi - Dagli arabi ai crociati - Retaggi culturali dagli istinti più bestiali - Oltre il cielo e il mare oltre la terra il sole - Il mondo brucia ancora e gli dei stanno a guardare - Nere nubi nere nella notte tuonano - Nere nubi nere all'orizzonte avanzano

×

Picchi in testa

Testo di Antonio Resta

Ricordo mi dicevi - Noi ce l'abbiamo duro - E con il tricolore ti ci pulivi il culo - E poi la verde folla - Sui monti con l'ampolla - E quei tuoi motti strani sui terroni sui romani - E poi carrocci fantocci la casa è la nostra - E voi neghèr! - A casa vostra - E poi la ronda la fionda polenta e Brianza - Tu non lo sai ma picchi in testa - Prima col Nord secessionista - Poi Padan federalista - Oggi fai il nazionalista - Tu non lo sai ma picchi in testa - Coi tuoi discorsi da squadrista - La propaganda populista - Tu non lo sai - Ma picchi in testa - Ricordo mi dicevi - Sono tutti mafiosi - E dal Po in giù l'Italia non c'è più - Noi siamo quelli veri - Noi siamo quelli puri - Quelli coi fucili - Coi cannoni sui barconi - E poi palazzi parenti - Ministri contanti e diamanti - Ma adesso basta - Davvero mi hai rotto - La ruspa mi ha cotto - Tu non lo sai ma picchi in testa - Prima col Nord secessionista - Poi Padan federalista - Oggi fai il nazionalista - Tu non lo sai ma picchi in testa - coi tuoi discorsi da squadrista - La propaganda populista - Tu non lo sai - Ma picchi in testa - E prova a cancellare - Quel senso di paura - Che piano piano - Oggi ti cattura - E prova anche a pensare - Non serve l'armatura - Ne coi cannoni - Coi bastoni o con le mura - E poi carrocci fantocci - La casa è la nostra - E voi Rom - Fòra di bàll - Ma adesso basta - Davvero mi hai rotto - La ruspa mi ha cotto - Tu non lo sai ma picchi in testa - Prima col Nord secessionista - Poi padan federalista - oggi fai il nazionalista - Tu non lo sai ma picchi in testa - coi tuoi discorsi da squadrista - La propaganda populista - Tu non lo sai - ma picchi in testa -

Pino l'orb (Pino l'orbo)

Testo di Mendes Vecchi (trad. dal dialetto mantovano)

Con un bastone in mano - Andava su e giù - Seppur da tanti anni non ci vedesse più - Con la sua fisarmonica suonar di qua e di la - Ridendo nascondeva la sua infelicità - E in tandem a girare andava con un'amico) - Ma prima di partire lui era già stanco - E appena erano in sella - Sia andare che ritornare - Per lui era sempre salita - E poi si metteva a cantare - Spingi Pino che andiamo in salita - Spingi Pino che andiamo in montagna - Lui spingeva sudava e credeva che il ritorno fosse tutto in discesa - Ma purtroppo era sempre la stessa storia - Spingi Pino che andiamo in salita - E ridendo anche lui ripeteva spingi Pino che andiamo sulla Luna - Ma col passar del tempo il mondo era cambiato - E per un pezzo di pane - La fisa ha impegnato - Costretto alla miseria e in cuore un gran magòn - Con l'armonica a bocca - Era diventato un barbone - E ogni monetina che sentiva tintinnare - Gli veniva la pelle d'oca ed era un colpo al cuore - Di confondere cercava - Il suo destino amaro - Dagli occhi lacrimava e poi si metteva a cantare - Spingi Pino che andiamo in salita - Spingi Pino che andiamo in montagna - Lui spingeva sudava e credeva che il ritorno fosse tutto in discesa - Ma purtroppo era sempre la stessa storia - Spingi Pino che andiamo in salita - E ridendo anche lui ripeteva spingi Pino che andiamo sulla Luna - Spingi Pino se in cuor la vergogna - Recitar la commedia bisogna - Se la fame è ormai tua compagna - Ridi e canta - Che andiamo in montagna - Una mattina nell aria sentivo - I rintocchi di una campana - Era Pino che andava in salita - In un mondo più bello della Luna -

×

La musica del vento

Testo di Antonio Resta

Canto per questa terra stanca - Per chi alza bandiera bianca - Per la pace nei continenti - Per i volti sorridenti - Suono la musica del vento - Per i fiumi e la maree - Per il diritto delle idee - Per i ghiacci e le balene - Per le tribù in estinzione - Suono la musica del vento - E cantare per un mondo migliore - Respirare l'aria al chiarore - E sentire sulla pelle il calore - Di un giorno che nasce - Di un giorno migliore - Canto per questa lunga notte - Per il coraggio di chi non mente - Per il tempo e le distanze - Per i sogni e le speranze - Suono la musica del vento - Canto per queste cime bianche - Per le nostre gambe stanche - Per la vita e le stagioni - Per il domani e le buone occasioni - Suono la musica del vento - E cantare per un mondo migliore - Respirare l'aria al chiarore - E sentire sulla pelle il calore - Di un giorno che nasce - Di un giorno migliore

×

La fòla dal Babau

Testo di Antonio Resta (trad. dal dialetto mantovano)

Salta fuori a mezzanotte - Ascolta bene e apri gli occhi - Ha grandi corna sul testone - E la coda di un lucertolone - E tu bambino guarda fai il bravo - Che se viene ti mangia il cervello - Nero come come un pipistrello - E puzza come un orinale - Il Babau se l'incontri torna indietro - Scappa via - Scappa forte - Non voltarti indietro - E guarda bene - Guarda bambino - Che il Babau è quà vicino - Fa paura ed è tremendo - E ha due occhi dell'altro mondo - In giro dicono che chi l'ha visto - Giura che è una brutta bestia - Se lo vedi in mezzo all'orto - Se lo vedi Scappa forte - E' la fòla dei bambini e se viene gli mangia le ditina - E'la fòla del Babau che sta lontano se fai il bravo - Il Babau se l'incontri torna indietro - Scappa via - Scappa forte - Non voltarti indietro - E guarda bene - Guarda bambino - Che il Babau è quà vicino - Fa paura ed è tremendo - E ha due occhi dell'altro mondo - Chi ha paura del Babau è un allocco o un babbeo - Chi ha paura del Babau è un allocco o un babbeo - Chi ha paura del Babau è un allocco o un babbeo - Chi ha paura del Babau è un allocco o un babbeo

×

Il Barbanera

Testo di Alessandro Bernini

Mi spinge il coraggio - Mi spinge la forza - Di un sogno che non so cos'è - Sono un soldato di questa guerra - Che combatto soltanto per me - Queste vele sono pagine bianche - Di un libro che mai leggerò - Sopra il mare vivrò la mia vita - Su questo mare ci morirò - Se rubare non è peccato - Per la corona di un re - Sono stanco di fare il corsaro - Oggi rubo soltanto per me - Per me e per la mia ciurma - Tutti figli di una vita sbagliata - Ora sono il Barbanera - Di questi mari il più grande pirata - Sono il principe di questi mari - E la mia barba è una bandiera - Mi presento sono Edward Tech - Per tutti voi il Barbanera - Siamo scarti del vostro mondo - I vostri libri di avventura - Su questo mostro di onde e di vento - Noi non sappiamo cos'è la paura - Ci ubriachiamo di rum e di donne - Siam sempre pronti all'arrembaggio - E chi passa su questi mari - A noi pagherà il pedaggio - Mentre voi seguite il potere - Prima di andare nell'aldilà - Con queste micce sotto il cappello - Io troverò l'immortalità - Sono il principe di questi mari - E la mia barba è una bandiera - Mi presento sono Edwart Tech - Per tutti voi il Barbanera - Il destino è un lancio di dadi - Dalle strade di Bristol agli abissi del mare - La vita è una partita già persa - E per questo la voglio giocare - Delle vostre ricchezze - Dei vostri imperi rimarrà solo quel poco che resta - Di me resterà la leggenda - Di un corpo che nuota senza la testa - Sono il principe di questi mari - E la mia barba è una bandiera - Mi presento sono Edwart Tech - Per tutti voi il Barbanera -

×

Le favole e le nuvole

Testo di Antonio Resta

Seduti a guardare - Le barche passare - Tu mi parlavi di te - Le onde e l'oceano - I gabbiani volavano - A scaldarci le mani io e te - E le isole e le nuvole - E i giorni correvano via - E gridavamo al mondo che - Niente mai ci cambierà - E coi sogni volavamo via - Le case assonnate su strade bagnate - Tu camminavi con me - Di sogni e promesse - Di risa e scommesse - Tu brindavi con me - E le favole e le nuvole - I cieli amaranto e magia - E gridavamo al mondo che - Niente mai ci cambierà - E coi sogni volavamo via - In posti affollati di luoghi sperduti - Tu ridevi con me - Di sogni e illusioni - Di frasi e canzoni - Tu scrivevi con me - E le onde che salutavano - Un addio lasciato qua e là - Poi tutto passa in fretta e va - Il tempo tutto cambierà - E il vento ci ha portati via - E le immagini che rivivono - Ora ovunque tu sia - E le favole e le nuvole - Il vento ci ha portati via - Na na na na na na...

×

Circus

Testo di Antonio Resta

Ecco è arrivato the circus nella città - Tigri elefanti leoni dell'Africa - Nani pagliacci e sul filo l'acrobata - Sogni illusioni ed il tempo si fermerà - Mimi giocolieri trapezisti e domatori - Giovani fachiri musicisti e lanciatori - magico mondo che viene che passa e va - Orsi leopardi e pantere dell'Asia - Cerchio di fuoco - Serpente dell'India - Nani pagliacci e sul filo l'acrobata - Magico mondo che viene che passa e va - Sogni illusioni ed il tempo si fermerà

×